Rugby summer special: intervista a Denis Zanconato
Rugby summer special: intervista a Denis Zanconato

Rugby summer special: intervista a Denis Zanconato

In questi giorni è partita a Frassinelle, presso il locale impianto di Rugby una importante e innovativa attività che coinvolge un centinaio di bambini e ragazzi/e che desiderano migliorare la propria tecnica e abilità con il rugby.

Uno dei pensatori di questa attività che si svolgerà nei giorni di martedì e giovedì dei mesi di Giugno e Luglio, è stato Denis Zanconato, responsabile tecnico del settore minirugby della società Rugby Frassinelle.

Lo abbiamo incontrato e gli abbiamo fatto alcune domande su questa iniziativa.

Come è nata l’dea del Summer Rugby Special e quali sono gli obiettivi di questa iniziativa?

L'idea è nata tra le varie telefonate quotidiane con ‘Ambri’ Graziano Ravanelli. Volevamo dare dei forti contenuti tecnici organizzando degli specialisti all'interno dello staff tecnico del rugby Frassinelle, figure che avrebbero toccato a rotazione tutte le categorie della società cercando di migliorare aspetti tecnici fondamentali tipo (passaggio, placcaggio, pulizia della ruck, tecnica del passaggio dei mediani di mischia, posture in mischia e touche, tecnica dei vari tipi di calcio, etc..) riuscendo a dare ai ragazzi gli strumenti per essere efficaci nel gioco del rugby.

Poi abbiamo pensato a come realizzarla nella stagione 2019/2020 ed invece la voglia di fare ci ha spinti nel provare a realizzare una cosa nuova durante questa estate.

Questo ci permette di soffermarci e focalizzarci puramente sull'aspetto tecnico senza imprimere grandi ritmi ai ragazzi, cosa che durante la stagione è difficilmente allenabile in questo modo per evidenti logiche esigenze di squadra e di appuntamenti sempre imminenti.

Com’è andato il primo giorno?

Martedì 4 giugno abbiamo iniziato nel migliore dei modi. E’stato uno spettacolo vedere il campo pieno di giovani atleti ed atlete dai 4 ai 14 anni che si impegnavano negli esercizi proposti dallo staff, sempre con il sorriso in un clima di grande amicizia, lo stesso clima che si percepiva tra i genitori a bordo campo che osservavano con attenzione.

Chi vi sta aiutando in questa importante attività?

Devo dire che tutto questo non sarebbe realizzabile senza la disponibilità dei ragazzi e le ragazze che fanno parte del nostro staff tecnico. Il loro supporto e la loro disponibilità nel periodo estivo dopo una lunghissima stagione è stato il primo tassello del quale ho avuto bisogno per continuare nel progetto, segnale questo molto importante nella loro formazione in quanto tutti hanno recepito quanto importante sia fare lavorare sempre i bimbi/ragazzi facendoli crescere tramite l'impegno quotidiano e il divertimento.

La seconda cosa importante è stata avere la disponibilità di tecnici come Rocco Salvan, Alessandro Lodi, Pierpaolo Tellarini, Marco Fenzi e lo stesso Graziano Ravanelli, tutte persone che, chiamate, hanno risposto senza nessun problema. Personalmente penso di essere riuscito a creare un gruppo di lavoro che risulta essere la migliore espressione di quanto il Polesine abbia sfornato a livello di tecnici, tralasciando logicamente gli assenti come Massimo Brunello e Mattia Dolcetto che sarebbe un piacere avere per la prossima estate. Questo è un segnale importante in quanto per questo periodo il Summer Rugby Special rispecchierà il nostro territorio anche grazie all'adesione di tanti iscritti di altre società.

Se non sbaglio è prevista anche la presenza di alcuni giocatori del Top 12.

Espressione ulteriore del nostro territorio sono Guido Barion, Edoardo Lubian e Alberto Chillon che hanno dato grande disponibilità fin da subito per la riuscita dell'evento. Il loro contributo è fondamentale per quello che stiamo cercando di dare ai ragazzi. Sono prima di tutto delle ottime persone e di conseguenza grandi giocatori, questo si vede anche da come si approcciano in campo con i ragazzi. Nonostante calchino quotidianamente campi da gioco importanti si trovano a loro agio anche in realtà di più basso profilo ma non per questo meno importanti a livello umano. Questo è quello che vorremo trasmettere ai partecipanti del Summer Rugby Special.

Cosa ti attendi da questa iniziativa?

Speriamo possa essere l'inizio di condivisione tra i tanti ragazzi delle varie società di un rugby migliore, un rugby di vera amicizia anche tra chi indossa una maglia diversa durante la stagione. Tra i quasi cento partecipanti oltre ai nostri tesserati ci sono anche atleti di Badia, Este, Monti Junior ed alcune ragazze delle Ascare Ladies Rovigo Delta.

Denis, c’è qualcuno in particolare che vorresti ringraziare per questa iniziativa?

Un grazie di cuore va per primi ai genitori di questi giovani atleti che hanno voluto far vivere ai propri figli questa esperienza formativa ed umana che sicuramente sarà utile per il loro futuro. Un ringraziamento enorme va anche a tutto lo staff per la disponibilità, al Rugby Frassinelle che ha subito appoggiato l'iniziativa e a tutti i volontari di questa Società che hanno dimostrato in grande senso di appartenenza e attaccamento per il rugby fuori dal normale.